• Grey Facebook Icon
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey Instagram Icona

 Stradivarie Architetti Associati I Via Cecilia de Rittmeyer 14 Trieste 34134  I p.i.01175480324 I studio@stradivarie.it I t: +39.040.2601675 I 

1/4

parco degli orbi

Sistemazione della Piazza Chiaradone e del parco degli Orbi - 2° lotto

Muzzana del Turgnano, 2018

Committente: comune di Muzzana del Turgnano 

L’obiettivo è di donare al paese un nuovo spazio pubblico all’aperto dove convergano più funzioni.

Come? Attraverso la sistemazione del collegamento pedonale con Piazza San Marco, l’apertura di un grande varco per connettere Villa Muciana direttamente con il parco, la realizzazione di percorsi pavimentati e aree verdi, la sistemazione del lato prospiciente via Maggiore con la realizzazione di parcheggi, la riqualificazione di un’area sulla quale installare una struttura amovibile per eventi, l’inserimento di attrezzature per il gioco e servizi.

Il servizio di progettazione si inserisce come secondo lotto a completamento di un progetto che a livello preliminare risultava complessivo. La strategia utilizzata risulta volta ad una continuità con le scelte effettuate nei lotti precedenti al fine di garantire un progetto uniforme e organico. Dal punto di vista progettuale gli interventi messi in atto riguardano per lo più le aree nord-est del parco e le zone retrostanti villa Muciana. 

Per quanto concerne la porzione nord-est, si prevede la prosecuzione del percorso in calcestruzzo, separandosi dal perimetro delle proprietà private, mediante la realizzazione di aiuole a raso caratterizzate da composizioni di graminacee ed erbacee perenni in grado di assicurare un elevato valore estetico durante tutto il corso dell’anno. Il percorso avvicinandosi all’angolo, si allarga al fine di accogliere una zona dedicata alla sosta dove trovano spazio delle panche romboidale su disegno ed un’ampia fontana a terra che risulta calpestabile e si configura come elemento ludico. Proseguendo lungo il percorso si incontra una costruzione cubica dal rivestimento specchiante che risulta in grado di riflettere lo spazio circostante creando dei suggestivi giochi di riflessi.

In relazione allo spazio retrostante la villa si è deciso di realizzare, in continuità con le scelte precedenti, una struttura a pedana che da un lato funge da spazio esterno alla biblioteca, mentre dall’altro assume le vesti di palco atto ad ospitare piccoli concerti o manifestazioni in genere.  L’intero sistema della pedana si intreccia con aiuole in grado di frammentare visivamente l’insieme. In questo caso il progetto del verde è stato studiato per dare una sequenzialità visiva agli spazi passando dalle piccole porzioni fiorite della pedana fino ad arrivare ai parire garden presenti nella parte opposta del parco.

In termini generali tra le opere minori in grado di cucire i diversi interventi, vi sono la costruzione di piccoli rilevati geometrici a sottolineatura dei campi da gioco e la definizione di una zona a gioco con elementi ludici di design non convenzionale. In termini funzionali è stato inserito un locale bagni e cucina in dotazione alle associazioni e un impianto di illuminazione che coniuga l’aspetto scenico con le esigenze illuminotecniche reali e di sicurezza.