• Grey Facebook Icon
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey Instagram Icona

 Stradivarie Architetti Associati I Via Cecilia de Rittmeyer 14 Trieste 34134  I p.i.01175480324 I studio@stradivarie.it I t: +39.040.2601675 I 

1/5

parco pali

Intervento urbanistico per la realizzazione di un parco in località Tavarnuzze 

Firenze, 2019

Committente: Autostrade per l'Italia spa

Crediti: En.Ar.Plan srl (impianti e strutture), RNRD studio (fotosimulazioni)

Il parco sorgerà all’interno del piccolo borgo di Tavarnuzze nel comune di Impruneta, al confine della zona del Chianti Classico, immerso tra vigneti e oliveti e racchiuso tra il torrente Greve e la viabilità di attraversamento principale della città, la Via Cassia. L’area da riqualificare, che si estende per circa 22.000 mq, si configura come un’opera di mitigazione legata all’ampliamento alla terza corsia Barberino di Mugello – Incisa Valdarno dell’autostrada A1.

Le imposizioni dettate da un masterplan già definito (in cui era prevista la realizzazione di una pista di pattinaggio, una pensilina, un’area per il gioco e il tempo libero, un piccolo teatro all’aperto, una piazza di ingresso e aree a parcheggio) non hanno impedito di poter sfruttare la peculiare orografia di questi territori per stabilire nuove connessioni, non solo fisiche con il tessuto urbanizzato esistente, ma anche percettive e panoramiche nel rispetto delle scenografie che di volta in volta si offrono al visitatore.

Il progetto del parco attinge dall’eredità culturale e paesaggistica di questi luoghi dove nacque il cosiddetto concetto di “giardino all’italiana” e, successivamente, cominciarono a sorgere i primi “teatri di verzura”, ambiti all’aperto destinati alla rappresentazione teatrale, che vengono riproposti oggi all’interno del parco tramite la definizione di quinte sceniche attraverso l’utilizzo di elementi arborei e arbustivi topiati.

Il problema di un budget limitato ha condotto inoltre, a partire da uno studio delle cromie dei luoghi, ad una ricerca volta ad impreziosire materiali di per sé economici (quali la terra stabilizzata o il calcestruzzo architettonico) prevedendo l’utilizzo della polvere di terracotta nella pavimentazione. L’arancio “Cotto di Impruneta” è anche la colorazione che ha ispirato il progetto della grafica ambientale del parco.