• Grey Facebook Icon
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey Instagram Icona

 Stradivarie Architetti Associati I Via Cecilia de Rittmeyer 14 Trieste 34134  I p.i.01175480324 I studio@stradivarie.it I t: +39.040.2601675 I 

1/14

Park(e)ing

Riqualificazione area mercato, viabilità, parcheggi, nuove aree pedonali e aree verdi

Cavallino Treporti, 2008-2011

Committente: comune di Cavallino Treporti 

Crediti: Smart progetti(progetto illuminotecnico), ing. G. Pasti (strutture)

Fotografie: © Gianna Omenetto, © Stradivarie architetti associati

1_La complessità dell’area, dovuta da una forte commistione di usi e la sua dimensione, 3,5 ettari, ha portato necessariamente all’individuazione di più fasi temporali di attuazione. Lo studio di riqualificazione generale individua infatti l’assetto complessivo finale (funzionale e paesaggistico) e i diversi step funzionali per raggiungerlo. Il progetto, viste le dimensioni, affronta anche il tema della sua “percezione dall’alto”

La prima, denominata MAKE UP, è un’operazione di re-styling che avviene attraverso la colorazione dei pannelli esistenti, la realizzazione di una nuova “recinzione in spessore”, che ospita i parcheggi per le biciclette e le aree verdi e soprattutto un nuovo sistema di accessi pedonali. La seconda, denominata PLUG-IN, è finalizzata, invece, alla realizzazione di una piazza - arena centrale, mentre la terza, denominata GREEN, guarda alle aiuole esistenti per trasformarle in nuovi playground.

Il progetto è stato studiato al fine di essere in parte o completamente mantenuto e gestito, grazie alle sponsorizzazioni che si potrebbero attuare in prossimità del playground. Nuovi spazi pubblici a portata di tutti e visibili dal satellite di google earth…

2_L’area oggetto dell’intervento è situata lungo la Via Fausta, una delle maggiori arterie di scorrimento presenti nel Comune di Cavallino Treporti e che collega Jesolo con Punta Sabbioni. Interessata da una forte affluenza di persone e una moltitudine di usi, diversificati nei giorni, nei mesi e nelle stagioni, l’area ha richiesto, dapprima una riqualificazione puntuale, soprattutto lungo i suoi bordi, dedicata all’accessibilità ciclopedonale e alle attrezzature pubbliche, a cui seguirà una progressiva riqualificazione delle aree centrali, delle aree verdi, degli spazi per la sosta e dei percorsi. Il progetto intende trasformare questo luogo da piattaforma logistica (isolata e sconnessa), in “una mappa interattiva attribuendo un valore comunicativo a ogni elemento inserito”, in cui, il ruolo degli oggetti introdotti è la volontà di far diventare gli “avventori distratti in utilizzatori consapevolmente attratti”.